Torna all'Home Page
La valle dell'Anapo   versione testuale
J.H. Gourbillon - Voyage critique a L’Etna, 1820.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

   Un miglio oltre Ortigia, dal lato opposto al grande porto che, aprendosi dapprima in semicerchio; si estende poi quasi in linea retta fino al promontorio Plemirio – promontorio che nella più bella delle cornici racchiude il più incantevole dei quadri – la dicevo, come posato sulle rive dello Jonio, vi è un luogo sereno e incantato, un angolo di terra sfuggito ai furori del tempo e degli uomini, per offrirlo alla nostra ammirazione…...davanti a me l’Anapo scorre placido in mezzo alla sua foresta di giunchi; tutti i porti, tutte le città, tutte le rovine del mondo non potrebbero ora distogliere il mio sguardo dallo spettacolo che lo affascina.

J.H. Gourbillon

Voyage critique a L’Etna, 1820.