Torna all'Home Page
 Palermo Turismo » Eventi e Cultura. Le Mostre nella Citta' Metropolitana di Palermo  » Museo "Antonino Salinas" (PA) - "Futuro Primordiale - Materia": dialogo tra passato e presente nella personale di Venia Dimitrakopoulou 
Museo "Antonino Salinas" (PA) - "Futuro Primordiale - Materia": dialogo tra passato e presente nella personale di Venia Dimitrakopoulou   versione testuale
Dal 16 novembre 2018 al 3 febbraio 2019
 
 
 
 
 
Dal 16 novembre 2018 al 3 febbraio 2019
Visitabile: dal martedì al sabato dalle 9.30 alle 18.00; domenica dalle 9.30 alle 13.00
Info: al numero 091 7489995 (CoopCulture)
costo: 3 euro


Al Museo Salinas di Palermo l'universo creativo dell'artista greca Venia Dimitrakopoulou è rappresentato da una selezione di opere, sculture, carte e installazioni, alcune esposte per la prima volta in Italia, tra le quali spiccano realizzazioni site-specific inedite, per una mostra-installazione curata da Afrodite Oikonomidou e Matteo Pacini, che dialoga con i reperti archeologici esposti in permanenza nelle sale museali.

Il Salinas è il più antico museo della Sicilia e la più importante istituzione museale pubblica dedicata all'arte greca e punica, che su indirizzo del Direttore Francesca Spatafora si è aperta negli ultimi anni ai linguaggi dell'arte contemporanea. In mostra sono messi in evidenza i temi tipici di tutta la produzione della scultrice ellenica: il dialogo continuo tra il passato e il presente, partendo dal retaggio archeologico che accomuna la cultura greca a quella del nostro Paese. In tutti i lavori esposti al Museo Salinas protagonista è la materia, dalla pietra lavica alla carta a mano cinese, dal bronzo al marmo, dal gesso alla terracotta, che sottolinea quanto l'archeologia riviva nella contemporaneità e l'immersione nel passato serva a comprendere il presente. Tutte le opere della Dimitrakopoulou hanno un profondo carattere antropocentrico e riflettono sul ruolo dell'esistenza umana nello spazio e nel tempo che l'artista sceglie di cogliere nella sua creazione, chiamando l'osservatore a partecipare dell'espressione artistica, a viverla come una relazione con se stesso, attraverso un'esperienza interiore, mentale e sentimentale.