Torna all'Home Page
 Palermo Turismo » News » Palermo - Cassaro Alto "La Festa dell'Onestà" 
Palermo - Cassaro Alto "La Festa dell'Onestà"   versione testuale
dal 02 al 03 settembre 2019 dalle ore 09,00 alle ore 23,00 del giorno seguente.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Due giornate, dal mattino fino alla sera. Una strada, il Cassaro. Un quartiere, Ballarò. E una parola d’ordine, anzi tre: #onestà, #memoria e #impegnocivile. E’ “La Festa dell’Onestà”, organizzata per il terzo anno dalle associazioni Ballarò significa Palermo e Cassaro Alto insieme al Comune di Palermo con Forze la partecipazione delle Forze dell’ordine, di tante realtà del centro storico, artisti, associazioni e grazie al coordinamento di Francesco Lombardo, Giulio Pirrotta e Giuseppe Scuderi e il contributo di Confcommercio e Aeroporto di Palermo.
 
 
Un programma ricco di appuntamenti che inizierà alle 9 del mattino di domenica 2 settembre per concludersi alle 23,00 del giorno seguente. Per tutta la giornata di domenica: presentazioni di libri, incontri, esibizioni della Fanfara dei Carabinieri e della Fanfara dei Bersaglieri, laboratori per i più piccini e proiezioni di film. Il giorno dopo, invece, una serie di momenti in memoria del generale Carlo Alberto dalla Chiesa ucciso dalla mafia il 3 settembre del 1982 insieme alla moglie Emanuela Setti Carraro e all’agente di scorta Domenico Russo. Verrà ricordato anche il Beato don Pino Puglisi, a 25 anni dal suo assassinio e in attesa della visita di Papa Francesco a Palermo, nell’anniversario del prossimo 15 settembre.
L’iniziativa, vuole essere un momento di riflessione e richiamo all’impegno civile. Domenica il Cassaro si riempirà di stand espositivi di associazioni e librai. Mentre nella parte alta, tra Porta Nuova e via Matteo Bonello, verranno esposti i mezzi di Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia Costiera, Guardia di Finanza, Esercito Italiano.
Ad animarsi saranno di prima mattina le sale della Legione Carabinieri Sicilia dove un gruppo di bambini incontrerà il comandante provinciale dei Carabinieri, Di Stasio. La Fanfara dei Carabinieri sarà la prima ad esibirsi lungo il Cassaro alle 10,30. Alle 15,15 (a Ballarò) e alle 16,30 (al Cassaro Alto) sarà, invece, la volta della Fanfara dei Bersaglieri di Palermo.
Tante le “isole” lungo il Cassaro dove si svolgeranno incontri. In via Collegio del Giusino si inizia alle 11 con la conversazione sul libro “Se ognuno fa qualcosa si può fare molto” di Francesco Deliziosi alla presenza dell’autore. Alle 12.15 sarà invece la volta del libro “Follow the money. Sulle tracce di Giorgio Boris Giuliano poliziotto a Palermo” di Valeria M. P. Siragusa e I.M.D (modera Ambra Drago). Mentre alle 17.30, Franco La Torre converserà con Daniele Ienna sulla legge Rognoni- La Torre. E un’ora dopo andrà in scena “Rusulè di succi e pucci” di AAS Narrazioni.
A Piazza Mediterraneo alle 15,30 si svolgerà un incontro sul messaggio del Beato Puglisi a venticinque anni dal martirio. A confrontarsi: l’Arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice, Francesco Puglisi, Don Enzo Volpe, Maurizio Artale, Francesco Lombardo, Giovanna Analdi. Modera Alessandra Turrisi. A Padre Puglisi è dedicato anche il cippo alla memoria e al valore civile che alle 17 sarà scoperto a Villa Bonanno alla presenza dei familiari del Beato, dell’Arcivescovo, del Sindaco Leoluca Orlando, e del Consiglio Direttivo dell’Associazione Cassaro Alto.
Ancora presentazioni di libri. “L’illegalità protetta. Attività criminose e pubblici poteri nel meridione d’Italia” di Rocco Chinnici (prefazione di Paolo Borsellino, Glifo Edizioni), sarà al centro di un incontro in programma al No mafia memorial, alle 12. Sempre al No mafia Memorial alle 19, si terrà l’iniziativa “Parole per Rita”. Un ricordo di Rita Borsellino recentemente scomparsa, attraverso le testimonianze di chi le è stata accanto in questi anni: dall’esperienza di “Un’altra Storia” al “Centro Studi Paolo Borsellino”, dalle Agende Rosse al personale di tutela della Polizia di Stato.
Alle 18,00 in piazza Bologni, Mario Pintagro per I- Design terrà la narrazione teatralizzata dal titolo “Alla fine siamo solo un nome” all’interno dell’installazione “La Spirale della Vita” dell’artista veneziano Gianfranco Meggiato in onore di tutte le vittime di mafia. Oltre ottocento i nomi ricordati all’interno dell’opera inserita tra i collaterali di Manifesta 12. Uomini e donne uccisi per essersi ribellati ai soprusi e alla violenza della criminalità organizzata.
A partire dalle 19,30, al Piano della Cattedrale, performance artistiche e, alle 21 la proiezione del film “L’ultimo sorriso”. Docufilm sulla vita e il messaggio del Beato Giuseppe Puglisi.
Si continua il giorno dopo, 3 settembre, con alcuni appuntamenti in onore del generale Carlo Alberto dalla Chiesa. Alle 11.30, l’omaggio floreale dei bambini alla lapide di dalla Chiesa. Alle 21,10, presso la lapide, la commemorazione dell’eccidio in cui persero la vita anche la moglie del prefetto Emanuela Setti Carraro e l’agente di scorta Domenico Russo. E, a seguire, un incontro- dibattito con reading e commenti alla presenza di Nando dalla Chiesa e degli studenti dell’Università itinerante 1. Modera la giornalista Elvira Terranova.