Torna all'Home Page
Cappella di San Giuseppe dei Falegnami    versione testuale
Palermo - via Maqueda 172, ex Convento dei Teatini - Palermo

 

 

 

 

 

 

E' un gioiello del barocco palermitano,già cappella interna nel convento di San Giuseppe dei Teatini, oggi sede della facoltà di Giurisprudenza. Si tratta di un oratorio interamente coperto di stucchi con putti, festoni, medaglioni, cornici e affreschi tardo-settecenteschi. La decorazione delle pareti fu affidata a Giuseppe Serpotta, fratello del più noto Giacomo: vi lavorò nel 1701, forse in collaborazione con il nipote Procopio. In origine i Padri Teatini, che avevano realizzato il convento agli inizi del Seicento, assegnarono l’oratorio a due congregazioni, quella di Gesù, Giuseppe e Maria e quella dei Servi del Santissimo Sacramento e Immacolata Concezione. Ma nel 1805, quando il complesso religioso fu adibito a sede della Regia Accademia degli Studi  e la cappella della confraternita di San Giuseppe dei Falegnami sacrificata per far posto all’attuale portico su via Maqueda, furono proprio loro – i Falegnami – a subentrare nella titolarità dell’oratorio barocco, mentre le altre confraternite si trasferirono altrove.
L’accesso originale era sulla via Giuseppe D’Alessi, attraverso il portale che ancora oggi conserva un tondo con San Giuseppe e il Bambino. Nel vestibolo sono conservati un’imponente macchina lignea barocca con San Giuseppe del 1759 e il Crocifisso ligneo settecentesco. L’iconografia dell’oratorio, incentrata sugli affreschi, si ricollega principalmente alle due congregazioni che precedettero l’ingresso dei Falegnami. Al centro della volta campeggiano le figure di Gesù, Giuseppe e Maria assistiti dall’Onnipotente e nei due riquadri principali la Visione della Madonna e San Giuseppe (verso l’altare) e la Dormitio Virginis (verso il palchetto).

Via Maqueda,172 - Tel. 091 23893781.

Aperta in occasione di eventi  o su prenotazione - open for events or on reservation.
 
E mail per prenotazioni: sistemamuseale@unipa.it - sito web