Torna all'Home Page
 Palermo Turismo » Tesori d'arte a Palermo » Altri luoghi di visita » Palazzo Graco - giardino dell'Alloro 
Palazzo Graco - giardino dell'Alloro   versione testuale
Via Alloro, di fronte Chiesa dei Cocchieri.

 

 

 

 

In via Alloro, proprio di fronte la Chiesa di Santa Maria dell’Itria dei Cocchieri, fondata nel 1611, è stato impiantato un giardino con piante mediterranee, per ricordare,soprattutto l'alloro estinto.

L’area su cui è stato realizzato questo “murato” giardino era occupata dal settecentesco palazzo di proprietà della nobildonna Francesca Fulci. Alla morte di questa, con atto del 30 aprile 1796, il palazzo fu concesso in "enfiteusi perpetua" al Cav. Giuseppe Grimaldi.

A causa dei danni arrecati all’edificio dal terremoto del 1823, “la I.ll.a  Donna Anna Maria Grimaldi e Caraffa, vedova del fu Giuseppe Grimaldi e figlia di Don Ignazio, per ripari necessari nel tenimento di case dalla medesima possesso, sito nella strada dell’Alloro dirimpetto la Chiesa de’ Cocchieri, danneggiato pell’accaduto tremuoto nel giorno cinque marzo (….), vendeva all’aromataio Alessandro D’Angrito due botteghe del palazzo esistenti nella strada dell’Alloro (….) segnate di numero novantuno e novantadue site una a cantonera del vicolo di Santo Borromeo (attuale vicolo San Carlo) e l’altro laterale all’entrata della casa”.

Altre vendite si resero necessarie nei decenni successivi.

Nel 1854 il palazzo risultava suddiviso tra diversi proprietari: il piano nobile apparteneva a Salvatore Savona, mentre il secondo piano era in possesso di Domenico Conte.

Prima della distruzione a causa dei bombardamenti che colpirono Palermo nel 1843, l’edificio era conosciuto come “Palazzo Graco”.