Torna all'Home Page
 Palermo Turismo » Turismo Sportivo » Fondali che incantano: quella Sicilia sommersa che attira sempre più turisti 
Fondali che incantano: quella Sicilia sommersa che attira sempre più turisti   versione testuale
Da Ustica a Marzamemi, da Pantelleria alle Egadi: gli itinerari archeologici sommersi siciliani incantano e attirano ogni anno migliaia visitatori

La Sicilia fa parlare di sè e con il suo mare incanta e attrae non solo quei turisti che stazionano ogni anno sulle spiagge, ma anche chi vuole, letteralmente, andare più a fondo: è infatti in crescita il numero dei visitatori che arrivano sull'Isola per scoprire le sue bellezze sommerse.

Stando ai dati della Soprintendenza del Mare i tesori sottomarini hanno portato in Sicilia, solo quest'anno, oltre cinquemila visitatori. Un numero di rilievo che getta nuova luce sul binomio mare e cultura, rendendolo punto di partenza per nuovi progetti.

Innovazione e collaborazione sono le parole chiave per investire su quelli che sono veri e propri musei sottomarini: la Sicilia vanta ben ventuno itinerari subacquei, ognuno con le sue peculiarità: per scoprirli è disponibile anche un'applicazione (scaricabile sia su dispositivi iOS che Android).    

APP_STORE                       

     

APP_STORE

                                                     

PLAY_STOREPLAY_ STORE

Per la tutela di alcuni di questi sono stati realizzati sistemi di telecontrollo e telefruizione, mentre per gli altri sono state avviate collaborazioni con diving center autorizzati che consentono ai visitatori di immergersi in sicurezza tra anfore, colonne romane, resti di navi e di chiese bizantine.

Il sito più visitato è quello di Pantelleria che può contare su mille turisti ogni estate, a seguire Levanzo e Marzamemi. La soprintendenza del mare ha stipulato convenzioni con divers esperti, che diventano vere e proprie guide turistiche, con le bombole ad aria compressa respirabile invece che con le cartine turistiche.